Uncategorized

Cosa cambia – Regolamento APR Ed. 3 dell’11 novembre 2019

Regolamento “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto”

Ed. 3 dell’11 novembre 2019

Cosa cambia ?

Il 11 novembre scorso è stato pubblicato sul sito ENAC il nuovo REG che disciplina il settore dei droni avvicinando sempre di più la legislazione nazionale a quella europea.
Il Regolamento entra in vigore il 11 dicembre 2019.
Molte sono le novità in esso contenute.
Qui sotto trovate quelle che riguardano il conseguimento dei nuovi attestati di pilota e della validità di quelli già in essere.

I piloti di APR impiegati per uso professionale, indipendentemente dal peso, e i piloti di APR di massa uguale o maggiore di 250 g impiegati per attività ricreative hanno l’obbligo di conseguire un attestato di competenza per operazioni non critiche: questo a partire dal 1 marzo 2020.(ved.n.1 secondo cpv. art.8 e lettera e) art.37)
Per quello che riguarda i cd “trecentini” ovvero APR di massa al decollo minore o uguale a 0,3 kg con parti rotanti protette da impatto accidentale e con velocità massima minore o uguale a 60 km/h, Il pilota deve conseguire l’Attestato entro il 1° luglio 2020. (ved.n.5 art.12 REG) a partire dal 1 marzo 2020.

ATTESTATO DI PILOTA APR:

Il REG prevede che dal 1/3/2020 per ottenere l’Attestato di Pilota di APR per Operazioni Non-Critiche il richiedente deve acquisire le conoscenze:
1) delle regole dell’aria applicabili,
2) della sicurezza del volo e dei rischi operativi,
3) delle regolamentazioni aeronautiche,
4) dei limiti alle prestazioni umane,
5) delle procedure operative di base,
6) delle conoscenze dei sistemi APR,
7) degli aspetti legati alla privacy e alla protezione dei dati,
8) delle nozioni sulle assicurazioni,
9) degli aspetti legati alla security,
mediante il completamento di apposito corso di formazione online pubblicato dall’ENAC.

Inoltre, deve superare un esame online su un portale web dedicato dell’ENAC composto da almeno 40 domande a risposta multipla online svolto su un portale web dedicato dell’ENAC.
(ved.art.21 REG cit.).
Non è previsto nessun corso pratico e nemmeno la visita medica.
L’età minima per conseguire l’attestato è di 16 anni e non più 18.

 

OPERAZIONI CRITICHE

Invece per la conduzione di APR di massa operativa al decollo minore di 25 kg per Operazioni Critiche in condizioni VLOS è necessario:
1) il possesso dell’Attestato di Pilota di APR, rilasciato a seguito del completamento di un corso online e del superamento di un esame online di cui all’articolo 21.
2) il completamento di un apposito corso di formazione presso un Centro di Addestramento APR autorizzato sulle seguenti materie:
– Meteorologia
– Prestazioni di volo e pianificazione
– Mitigazioni tecnico-operative e gestione del rischio
Al termine del corso teorico il pilota è sottoposto ad un esame teorico addizionale di almeno 30 domande a risposta multipla.
3) Il completamento di un apposito corso di addestramento pratico articolato su specifici scenari addestrativi (Standard e/o Non-Standard) al termine del quale il Pilota sostiene uno skill test con un Esaminatore APR.
In questo caso è prevista una formazione pratica con relativo esame ma nessuna visita medica.

Fino al 1/3/2020 sono perciò in vigore le attuali norme: quindi corso teorico e pratico con esame presso il centro addestramento e visita medica.
Per quanto riguarda i piloti già titolari di attestato il REG prevede ”………….., gli Attestati conseguiti in base alla regolamentazione nazionale mantengono la loro validità fino al 1° luglio 2021. Qualora la loro scadenza naturale (cinque anni) avvenga prima di tale data per il rinnovo saranno applicate le disposizioni previste dal Regolamento (CE) 2019/947 la cui data di applicazione è 1° luglio 2020. Nel caso in cui la scadenza dei cinque anni ricada oltre la data del 1° luglio 2021, gli Attestati saranno convertiti da parte dell’ENAC con una certificazione di competenza in conformità alle previsioni del Regolamento (CE) 2019/947.” Art.37 g)